Il sito utilizza cookies propri e di terze parti. Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul sito.

header1

Velo d'Astico (VI), 18 - 02 - 17
Partito da Lago per salire sul Monte Priaforà percorrendo il sentiero di Valle Sant'Antonio, a circa 1.050 metri di quota, quando ha trovato la neve, un escursionista vicentino ha smarrito la traccia. Invece di girare, G.P., 76 anni, ha iniziato a risalire un canalone, finché, giunto in cresta, è rimasto bloccato e ha contattato il 118, che ha allertato il Soccorso alpino di Arsiero e Schio verso le 13.40. Poiché l'uomo non era in possesso di uno smartphone per poter utilizzare l'applicazione di geolocalizzazione, una ventina di soccorritori si è suddivisa in 6 squadre e ha avviato la ricerca sui diversi versanti. Passate le 16, l'escursionista ha finalmente sentito i richiami ed è stato individuato a 1.200 metri di altitudine. I soccorritori sono saliti con corde, ramponi e piccozze e lo hanno raggiunto. Dopo averlo imbragato lo hanno calato con le doppie e riportato sul sentiero, per poi riaccompagnarlo a valle. L'intervento si è concluso attorno alle 19.
Seren del Grappa (BL), 18 - 02 - 17
Attorno alle 12.20 il 118 è stato allertato per un infortunio nei boschi di Col dei Bof. Mentre faceva legna assieme alla moglie, infatti, un residente della zona di 77 anni era stato colpito alla testa da un ramo. Individuato il luogo, l'elicottero di Treviso emergenza ha sbarcato in hovering nelle vicinanze il tecnico di elisoccorso e il personale sanitario - che hanno subito prestato le prime cure all'infortunato - per poi atterrare non distante. L'uomo, con un probabile trauma cranico, è stato quindi trasportato fino all'eliambulanza, decollata in direzione dell'ospedale di Belluno.
 
Borso del Grappa (TV), 17 - 02 - 17
Attorno alle 14.30 il 118 ha allertato il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa per un parapendio precipitato poco sopra l'abitato di Borso del Grappa. Il pilota, A.S., 68 anni, tedesco, perso il controllo della vela era finito sospeso tra i rami di un albero vicino al sentiero n.190 a circa 600 metri di quota. Raggiunto dal tecnico di elisoccorso, sbarcato nelle vicinanze con un verricello dall'elicottero di Treviso emergenza, e dal personale del Suem di Crespano, l'uomo, che era illeso, è stato calato a terra per poi essere accompagnato nella zona dell'atterraggio. Pronta a intervenire in supporto alle operazioni una squadra di soccorritori.
Roana (VI), 15 - 02 - 17
Poco prima delle 17, il Soccorso alpino di Asiago è stato allertato poiché, da circa un'ora, i genitori stavano cercando il loro figlio dodicenne, perso di vista mentre stava sciando sul Monte Verena, sul posto i carabinieri forestali. Mentre venivano coinvolti i maestri di sci per verificare, finché era ancora chiaro, i bordi per accertarsi che il ragazzino non fosse uscito dal tracciato, i soccorritori sono partiti dal basso con le motoslitte per perlustrare gli itinerari alternativi alla pista. E, verso le 18.30, il giovane sciatore è stato ritrovato a Malga Quarti, dove era arrivato scendendo dalla strada che porta all'arrivo della seggiovia. I soccorritori lo stanno riaccompagnando dai familiari.
Recoaro Terme (VI), 11 - 02 - 17
Attorno a mezzogiorno il responsabile degli impianti ha allertato il Soccorso alpino di Recoaro - Valdagno per un incidente lungo pista la pista non battuta del Monte Falcone, dove una scialpinista si era infortunata. Dopo aver avvisato il 118, poiché l'eliambulanza era impossibilitata ad operare per la nebbia, cinque soccorritori hanno raggiunto in motoslitta la donna, M.S., 50 anni, di Valdagno (VI), che stava scendendo con altre persone quando era caduta procurandosi un probabile trauma al volto e la frattura del polso. La squadra ha quindi accompagnato l'infortunata fino al parcheggio e da lì lei si è recata con mezzi propri all'ospedale di Valdagno.