Il sito utilizza cookies propri e di terze parti. Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul sito.

header1

Belluno, 23-08-16
Alle 15.30 circa l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione del sentiero che porta al Coldai, nel comune di Valle di Zoldo, dove un'escursionista era scivolata, infortunandosi.  Individuata dall'equipaggio, S.V., 60 anni, di Seveso (MB), è stata recuperata con un verricello per essere trasportata all'ospedale di Belluno con una possibile frattura al braccio. Verso le 16 il 118 è stato contattato da alcune persone preoccupate dalla presenza di segnali luminosi provenienti dal versante che dà su Fonzaso del Campon. Non distante dalla croce, il Soccorso alpino di Feltre ha individuato un filo teso sulla parete rocciosa con dei cd appesi illuminati dal sole. Dal momento che ci sono state altre chiamate simili, la questione è stata segnalata ai carabinieri perché vengano tolti.
Valli del Pasubio (VI), 23-08-16
Verso le 11 il Soccorso alpino di Schio è stato allertato dal 118 su segnalazione del papà di un tredicenne, di Montecchio Precalcino (VI), preoccupato perché lo aveva perso di vista nella zona di Bocchetta Campiglia, ai piedi del Pasubio,  e non riusciva più a trovarlo. Sul posto si sono subito portati i soccorritori di Schio e Arsiero e, coordinati con i vigili del fuoco, hanno avviato la ricerca del ragazzo: una squadra risalendo la Strada delle gallerie dal basso, un'altra squadra scendendo dall'alto, dopo aver raggiunto il Rifugio Papa con il fuoristrada dei vigili dalla Strada degli Scarubbi. Ed è proprio nei pressi della struttura, attorno alle 13.30, che il ragazzino è stato ritrovato. Un fraintendimento all'origine dell'allontanamento: quando stavano camminando, infatti, il padre si era fermato un momento con il figlio più piccolo e il tredicenne, non vedendolo più, aveva pensato fossero più avanti e si era avviato per raggiungerli.
Belluno, 23-08-16
Questa mattina poco dopo le 9 una squadra del Soccorso alpino della Val Fiorentina è stata inviata dal 118 al Rifugio Città di Fiume, dove era arrivata un'escursionista tedesca con una probabile frattura alla mano. I soccorritori hanno raggiunto I.B., 49 anni, la hanno caricata sul fuoristrada e accompagnata fino all'ambulanza diretta all'ospedale di Agordo. Alle 10.30 circa l'elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano è intervenuto sul Col de Varda, ad Auronzo di Cadore, per una donna di 76 anni che era inciampata scendendo dalla seggiovia e si era procurata un trauma alla gamba. L'infortunata è stata trasportata al pronto soccorso di Cortina.  Attorno alle 13, l'eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore è invece decollata per il Rifugio Settimo Alpini, nel gruppo della Schiara, dove un uomo di Santa Giustina (BL), D.D.R., 66 anni, aveva manifestato una reazione allergica alla puntura di un insetto. Lui è la moglie sono stati imbarcati e portati all'ospedale dii Belluno.
 
Belluno, 23-08-16
Ieri sera poco prima delle 21, il Soccorso alpino di Longarone è stato allertato dal 118 per intervenire a Casera Valbona, nel comune di Ospitale di Cadore, per un ragazzo che stava poco bene. Poiché la strada forestale sconnessa non permetteva l'accesso sicuro all'ambulanza, una squadra ha raggiunto l'edificio con il fuoristrada. Una comitiva di ragazzi di prima e seconda superiore, assieme ai loro accompagnatori, era partita la mattina da Cibiana per pernottare a Casera Valbona, ma una volta arrivati un quattordicenne di Belluno si era sentito male e un accompagnatore, medico, aveva allertato il Suem. Il ragazzo è stato quindi accompagnato direttamente al pronto soccorso del San Martino per gli accertamenti del caso. I soccorritori hanno poi riportato il suo accompagnatore, sceso con loro all'ospedale, in casera.
Alle 22.30 circa è invece partito l'allarme per un escursionista esausto in discesa dalla Val d'Arcia, nel comune di Vodo di Cadore. L'uomo, di nazionalità tedesca, che era con un amico, era steso a terra all'altezza del canale scavato dal recente dissesto sul Pelmo lungo il sentiero numero 480 a mezz'ora di distanza dal Rifugio Venezia, da dove i gestori gli avevano portato coperte e un dottore presente sul posto era accorso in suo aiuto. Una volta da lui, cinque soccorritori lo hanno caricato in barella, trasportato a spalla fino al Rifugio e poi alla jeep, ferma sullo sterrato prima della frana. L'escursionista è poi stato accompagnato sulla strada e affidato all'ambulanza diretta all'ospedale di Pieve di Cadore. Le operazioni si sono concluse alle 2.30.
Sappada (BL), 22-08-16
Attorno alle 18.30 il 118 di Udine ha allertato il Soccorso alpino di Sappada per un'escursionista che, partita da Cima Sappada in direzione di Casera Tullia, nel comune di Forni Avoltri (UD), aveva smarrito il sentiero. Sette soccorritori di Sappada hanno avviato la ricerca percorrendo i sentieri che partono dai Rifugi Monte Siera Basso e Alto per risalire verso i ruderi di Malga Geu. Contestualmente 4 soccorritori di Forni Avoltri assieme a 2 del Sagf di Tolmezzo risalivano da Casera Tullia. Le squadre si sono ritrovate sulla Piana di Geu e chiamandola a voce hanno individuato la donna, T.M., 57 anni, di Crema, 200 metri sotto la Malga diroccata. Raggiunta,  la hanno assicurata e sollevata verso l'alto per una quarantina di metri. I soccorritori la stanno adesso riaccompagnarlo verso Malga Tullia dove la sta aspettando il marito.